Perché è positivo che Bilbo Baggins abbia perso i suoi fiammiferi?

Di Arthur S. Poe /12 gennaio 20216 gennaio 2021

Molte cose sono successe per caso nella vita. Ad esempio, la penicillina è stata scoperta dopo che Sir Alexander Fleming ha lasciato accidentalmente una capsula di Petri durante la notte nel suo laboratorio. Questo è solo un esempio. Quindi, se gli incidenti tendono ad accadere nella vita reale, dove non possiamo davvero controllare le circostanze che ci circondano, perché non dovrebbero accadere nella finzione, dove l'autore controlla completamente la vita dei suoi personaggi? Questi incidenti sono di fantasia, ma nella vita dei personaggi stessi sono reali come lo era la penicillina per Fleming. Oggi parleremo di uno di questi incidenti, l'incidente che ha portato Bilbo Baggins ad acquisire l'Unico Anello perdendo le sue partite nell'oscurità. Perché era buono? Continua a leggere per scoprirlo!



Il fatto che Bilbo Baggins abbia perso le sue partite mentre era all'interno delle Montagne Nebbiose ha avuto due vantaggi. Per uno, è venuto in possesso dell'Unico Anello, sebbene non sapesse cosa fosse in quel momento; per l'altro, l'odore del fumo e la luce del fiammifero avrebbero sicuramente attirato dei nemici, come ha affermato lo stesso Tolkien, quindi sostanzialmente - perdere i fiammiferi ha salvato la vita di Bilbo.

Nell'articolo di oggi, scoprirai cosa è successo esattamente prima che Bilbo perdesse le sue partite e come è entrato in quella situazione in primo luogo. Quindi, spiegheremo perché è stato positivo che sia successo e lo colleghiamo all'epilogo di quella storia. Resta con noi perché ha diverse storie interessanti per te nell'articolo di oggi.





Sommario mostrare Come è finito Bilbo senza i suoi fiammiferi? Perché era positivo che avesse perso le sue partite?

Come è finito Bilbo senza i suoi fiammiferi?

Quando Thorin, Bilbo, Gandalf e il resto della compagnia lasciano Gran Burrone, decidono di attraversare le Montagne Nebbiose. Lì, hanno assistito alla lotta a distanza dei giganti prima di rifugiarsi in quella che sembrava essere una normale grotta. Eppure, mentre si trovavano in quella grotta, furono catturati dai goblin; Dori, che stava trasportando Bilbo, fu afferrata da un Goblin e nella lotta che ne seguì, Bilbo perse conoscenza e fu lasciato nell'oscurità della grotta, abbandonato dai suoi compagni. In Lo Hobbit , questi eventi sono stati raccontati nel Capitolo V, Riddles in the Dark, ed ecco cosa scrisse Tolkien sulle circostanze che circondano il risveglio oscuro di Bilbo:

Quando Bilbo aprì gli occhi, si chiese se l'avesse fatto; perché era buio come con loro chiusi. Nessuno era da nessuna parte vicino a lui. Immagina la sua paura! Non sentiva niente, non vedeva niente e non sentiva niente tranne la pietra del pavimento.



Molto lentamente si alzò e andò a tentoni a quattro zampe, fino a toccare il muro del tunnel; ma né in alto né in basso riuscì a trovare nulla: niente, nessun segno di goblin, nessun segno di nani. La testa gli nuotava, ed era tutt'altro che certo della direzione in cui stavano andando quando era caduto. Indovinò meglio che poté, e strisciò avanti per una buona strada, finché all'improvviso la sua mano incontrò quello che sembrava un minuscolo anello di metallo freddo che giaceva sul pavimento del tunnel. Fu una svolta nella sua carriera, ma lui non lo sapeva. Si mise l'anello in tasca quasi senza pensarci; di certo non sembrava di particolare utilità al momento. Non andò molto oltre, ma si sedette sul pavimento freddo e si abbandonò a lungo alla completa infelicità. Pensò a se stesso a friggere uova e pancetta nella sua cucina di casa, perché dentro di sé sentiva che era giunto il momento per un pasto o l'altro; ma questo lo rendeva solo infelice.

Non riusciva a pensare a cosa fare; né poteva pensare cosa fosse successo; o perché era stato lasciato indietro; o perché, se era stato lasciato indietro, i goblin non lo avevano catturato; o anche perché aveva la testa così dolorante. La verità era che per molto tempo era rimasto sdraiato tranquillo, lontano dalla vista e dalla mente, in un angolo molto buio.



Dopo qualche tempo sentì la sua pipa. Non era rotto, ed era già qualcosa. Poi cercò la sua borsa, e c'era del tabacco dentro, e quello era qualcosa di più. Poi ha cercato fiammiferi e non ne ha trovati affatto, e questo ha mandato in frantumi completamente le sue speranze. Altrettanto bene per lui, come ha convenuto quando è tornato in sé. Chissà cosa l'avrebbero portato fuori da buchi oscuri in quel luogo orribile il suono dei fiammiferi e l'odore del tabacco. Eppure in quel momento si sentiva molto schiacciato. Ma schiaffeggiandosi tutte le tasche e tastando tutto intorno a sé in cerca di fiammiferi, la sua mano andò sull'elsa della sua piccola spada, il pugnale che aveva preso dai troll, e che aveva del tutto dimenticato; né per fortuna se ne erano accorti i goblin, poiché lo portava dentro i calzoni.

Ora l'ha tirato fuori. Brillava pallido e fioco davanti ai suoi occhi. Quindi è anche una lama elfica, pensò; e i goblin non sono molto vicini, e tuttavia non abbastanza lontani.

Ma in qualche modo fu confortato. Era piuttosto splendido indossare una lama fatta in Gondolin per le guerre dei goblin di cui tante canzoni avevano cantato; e aveva anche notato che tali armi facevano una grande impressione sui goblin che si imbattono in loro all'improvviso.

Torna indietro? pensò. Non va affatto bene! Vai di lato? Impossibile! Vai avanti? Unica cosa da fare! Avanti! Così si alzò, e trotterellò con la sua piccola spada tenuta davanti a sé e una mano palpando il muro, e il suo cuore tutto un battito e un battitore.

Ora certamente Bilbo era in quello che viene chiamato un posto stretto. Ma devi ricordare che non era così stretto per lui come sarebbe stato per me o per te. Gli Hobbit non sono proprio come le persone normali; e dopotutto se le loro buche sono bei posti allegri e adeguatamente ventilati, molto diversi dai tunnel dei goblin, sono comunque più abituati a scavare tunnel di noi, e non perdono facilmente il senso dell'orientamento sottoterra, non quando le loro teste si sono ripresi dall'essere urtato. Inoltre possono muoversi molto tranquillamente, nascondersi facilmente e riprendersi meravigliosamente da cadute e lividi, e hanno un fondo di saggezza e detti saggi che gli uomini per lo più non hanno mai sentito o dimenticato molto tempo fa.

Lo Hobbit , Capitolo V: Enigmi nell'oscurità

Come puoi vedere, Bilbo Baggins non era in una situazione molto piacevole. Era nell'oscurità e il suo abbinamento era scomparso. Ma questo si è rivelato essere un bene per lui. Come mai?

Perché era positivo che avesse perso le sue partite?

Allora, perché è stato positivo che Bilbo Baggins abbia perso i suoi fiammiferi quando si è svegliato nell'oscurità della caverna? Prima di tutto, sembra avergli risparmiato la vita. Era in un luogo buio con un odore specifico. La luce di un fiammifero, insieme all'odore di tabacco e zolfo (come aveva inteso accendendo la pipa), avrebbe sicuramente attirato qualcosa in quella grotta, probabilmente i folletti che li avevano già attaccati. Come scrive lo stesso Tolkien, chissà che cosa gli avrebbero portato addosso il suono dei fiammiferi e l'odore del tabacco da buchi oscuri in quel luogo orribile. Bilbo se ne rese conto abbastanza presto ed era, in un certo senso, felice di essersi ritrovato impareggiabile.

Quanto all'altro motivo, è raffigurato nell'immagine – o, meglio, nello screenshot – sopra, che mostra Bilbo che tiene in mano l'Unico Anello. Mentre strisciava per la grotta, Bilbo trovò la svolta nella sua carriera, ma all'epoca non lo sapeva. Trovò un piccolo segno metallico, che si mise comodamente in tasca. Bilbo non aveva idea di portare con sé l'Unico Anello, che si sarebbe rivelato essenziale per la trama di Il Signore degli Anelli , così continuò a camminare finché non trovò Gollum, che aveva perso la stessa cosa prima. Dopo un gioco di indovinelli, Bilbo alla fine usò l'Anello per ingannare Gollum facendogli mostrare l'uscita, scappando infine con esso.

E questo è tutto per oggi. Ci auguriamo che ti sia divertito a leggere questo e che ti abbiamo aiutato a risolvere questo dilemma. Alla prossima volta e non dimenticare di seguirci!

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi