Perché Frodo non è riuscito a distruggere l'Unico Anello al Monte Fato?

Di Arthur S. Poe /6 febbraio 202128 gennaio 2021

di Tolkien Leggendario è uno degli universi immaginari più grandi, popolari e interessanti che abbiamo. È, in un certo senso, l'epitome di un universo fantasy ed è servito da prototipo per tutti gli universi simili successivi che fanno parte del genere fantasy. L'universo di Tolkien ha molti misteri e mentre alcuni di essi non sono chiari, ce ne sono alcuni che sono stati risolti ma necessitano di ulteriori chiarimenti. Nell'articolo di oggi, discuteremo e spiegheremo le circostanze che circondano il fallimento di Frodo nel distruggere l'Unico Anello all'interno del Monte Fato. Perché lo Hobbit non è riuscito a fare l'unica cosa che gli era stato assegnato? L'Unico Anello è stato infine distrutto? Come? Continua a leggere per scoprire le risposte a queste e molte altre domande correlate!



Dopo aver raggiunto il Monte Fato, Frodo Baggins era estremamente debole, mentre i poteri dell'Unico Anello divennero i più forti a causa della vicinanza del Crepaccio del Destino. Questo è il motivo per cui Frodo si arrese e indossò l'Anello: era semplicemente troppo debole per resistere all'Unico Anello al culmine del suo potere e fortunatamente per la Terra di Mezzo che Gollum era lì per reclamare avidamente il suo Prezioso.

L'articolo di oggi è dedicato a Frodo Baggins e alla sua incapacità di distruggere l'Unico Anello di Sauron negli incendi del Monte Fato. Scoprirai tutte le circostanze che circondano l'evento, così come tutte le risposte che stai cercando. Ti spiegheremo anche cosa è successo esattamente e come l'Unico Anello è stato infine distrutto, non grazie a Frodo. Abbiamo preparato un testo molto interessante per te, quindi resta con noi fino alla fine!





Sommario mostrare Cosa è successo a Frodo e l'Unico Anello al Monte Fato? Perché Frodo rivendica per sé l'Unico Anello? Cosa è successo esattamente quando Frodo ha rivendicato l'Unico Anello? L'Unico Anello è stato distrutto?

Cosa è successo a Frodo e l'Unico Anello al Monte Fato?

Dopo un viaggio lungo ed estenuante, Frodo e Sam raggiunsero finalmente il Monte Fato mentre Aragorn e il suo esercito stavano combattendo gli Orchi. Furono seguiti da Gollum, che li attaccò volendo impadronirsi del suo Prezioso, non sapendo ancora quanto fosse importante la sua distruzione (o non preoccupandosi, ma qui non è così rilevante). Mentre Sam combatteva e feriva Gollum, Frodo corse su per la montagna per raggiungere le fiamme del Monte Fato, dove avrebbe distrutto l'Anello.

Eppure, questo non è accaduto. All'interno del Crack of Doom, Frodo, che all'epoca era estremamente esausto, alla fine cedette ai poteri dell'Unico Anello. A causa della vicinanza delle fiamme distruttive, i poteri dell'Unico Anello raggiunsero il loro apice in quel punto e un Frodo gravemente indebolito non fu più in grado di resistere ai suoi poteri. Sam ha esortato il suo amico a distruggere l'Anello, ma Frodo invece glielo ha messo al dito.



Questo è quando Gollum è tornato e ha attaccato Sam, facendolo perdere i sensi per diversi momenti. Quando si svegliò, vide Gollum combattere un nemico invisibile – in realtà Frodo con l'Anello addosso – finché Gollum non morsicò il dito di Frodo con l'Anello su di esso. Gollum ha quindi rivendicato il suo Prezioso mentre Frodo è caduto per il dolore. Gollum danzò di gioia, ma questo gli costò la vita, poiché scivolò dall'orlo e cadde nelle fiamme del Monte Fato con l'Anello, distruggendolo così. Questo è un riassunto degli eventi a Mount Doom.

Perché Frodo rivendica per sé l'Unico Anello?

La scena che abbiamo descritto nella sezione precedente è avvenuta in questo modo:



Sam si avvicinò alla bocca spalancata e sbirciò dentro. Era buio e caldo, e un profondo brontolio scuoteva l'aria. 'Frodò! Maestro!’ chiamò. Non c'era risposta. Per un momento rimase in piedi, il cuore che batteva di paure selvagge, poi si tuffò dentro. Un'ombra lo seguì.

All'inizio non riusciva a vedere nulla. Nel suo grande bisogno estrasse ancora una volta la fiala di Galadriel, ma era pallida e fredda nella sua mano tremante e non gettava luce in quell'oscurità soffocante. Era arrivato al cuore del regno di Sauron e delle fucine della sua antica potenza, la più grande nella Terra di Mezzo; tutte le altre potenze furono qui sottomesse. Timoroso fece alcuni passi incerti nel buio, e poi all'improvviso si udì un lampo rosso che balzò verso l'alto e colpì l'alto tetto nero. Poi Sam vide che si trovava in una lunga caverna o tunnel che scavava nel cono fumante della Montagna. Ma solo poco più avanti il ​​suo pavimento e le pareti su entrambi i lati erano squarciate da una grande fessura, da cui usciva il bagliore rosso, ora balzando in alto, ora morendo nell'oscurità; e per tutto il tempo molto più in basso c'era una voce e un disturbo come di grandi macchine che palpitavano e lavoravano.

La luce si alzò di nuovo, e lì sull'orlo del baratro, proprio al Crepaccio del Destino, c'era Frodo, nero contro il bagliore, teso, eretto, ma immobile come se fosse stato trasformato in pietra.

'Maestro!' gridò Sam.

Allora Frodo si mosse e parlò con voce chiara, anzi con una voce più chiara e potente di quanto Sam gli avesse mai sentito usare, e si alzò al di sopra del palpito e del tumulto del Monte Fato, risuonando nel tetto e nelle pareti.

«Sono venuto», disse. ‘Ma non scelgo ora di fare quello per cui sono venuto. Non farò questo atto. L'anello è mio!' E all'improvviso, mentre se lo metteva al dito, scomparve dalla vista di Sam. Sam rimase senza fiato, ma non ebbe la possibilità di gridare, perché in quel momento accaddero molte cose.

Il ritorno del re , Libro Sei, Capitolo III, Monte Fato

Abbiamo ritenuto opportuno mostrarvi l'intera scena in modo che conosceste le circostanze esatte di cui scrisse Tolkien. Come puoi vedere, Tolkien non descrisse mai il motivo esatto per cui Frodo cambiò idea; in effetti, è stato uno shock sia per Sam, dalla cui prospettiva sono descritti gli eventi, sia per il lettore. Questo è importante per illustrare come la nostra teoria sia basata su un'interpretazione degli eventi del libro, piuttosto che sull'esatta descrizione di Tolkien.

Da quello che avremmo potuto dedurre, Frodo alla fine soccombe al potere dell'Unico Anello per due ragioni. In primo luogo, era molto debole. Ciò è evidenziato in alcuni paragrafi precedenti, poiché il viaggio di Sam e del suo è stato un vero sforzo per loro. Stava a malapena tenendo la sua posizione quando raggiunsero il Monte Fato, quindi i suoi livelli di energia, così come la sua forza di volontà, erano molto bassi a quel punto. L'altro motivo è che i poteri dell'Unico Anello sono aumentati mentre si avvicinavano al Monte Fato. L'Unico Anello era un potente oggetto magico ed era probabilmente consapevole del pericolo che stava affrontando. Ecco perché i suoi poteri aumentavano, poiché era importante schiacciare ogni possibilità di distruzione seducendo il portatore. Questo è il motivo per cui Frodo alla fine non è stato in grado di distruggere l'Unico Anello da solo. L'Anello è riuscito, ma fortunatamente – Gollum era lì.

Cosa è successo esattamente quando Frodo ha rivendicato l'Unico Anello?

Ora, quando Frodo ha rivendicato l'Unico Anello ed è scomparso, Sam è stato colpito alla schiena da Gollum. Ha perso conoscenza per un breve periodo e, quando si è svegliato, le cose sono andate così:

Sam si alzò. Era stordito e il sangue che gli colava dalla testa gli gocciolava negli occhi. Avanzò a tentoni, e poi vide una cosa strana e terribile. Gollum sull'orlo dell'abisso stava combattendo come un pazzo con un nemico invisibile. Ondeggiava avanti e indietro, ora così vicino al baratro che quasi cadde dentro, ora trascinandosi indietro, cadendo a terra, rialzandosi e cadendo di nuovo. E per tutto il tempo sibilò ma non disse parole.

I fuochi sottostanti si svegliarono con rabbia, la luce rossa divampò e tutta la caverna si riempì di un grande bagliore e di calore. Improvvisamente Sam vide le lunghe mani di Gollum avvicinarsi alla sua bocca; le sue bianche zanne luccicarono, e poi si spezzarono mentre mordevano. Frodo lanciò un grido, ed eccolo lì, caduto in ginocchio sull'orlo del baratro. Ma Gollum, danzando come un pazzo, tenne in alto l'anello, un dito ancora conficcato nel suo cerchio. Adesso brillava come se in verità fosse opera di fuoco vivo.

'Prezioso, prezioso, prezioso!' gridò Gollum. 'Mio prezioso! O mio prezioso!' E con ciò, anche se i suoi occhi erano alzati per gongolare per il suo premio, si è spinto troppo oltre, si è rovesciato, ha vacillato per un momento sull'orlo, e poi con un grido è caduto. Dal profondo giunse il suo ultimo lamento Precious, e se ne andò.

Ci fu un ruggito e una grande confusione di rumore. Gli incendi si sono alzati e hanno laccato il tetto. Il palpito crebbe fino a diventare un gran tumulto, e la Montagna tremò. Sam corse da Frodo, lo prese in braccio e lo portò alla porta. E là, sulla soglia oscura del Sammath Naur, in alto sopra le pianure di Mordor, fu assalito da tale meraviglia e terrore che rimase immobile dimenticando tutto il resto, e guardò come uno trasformato in pietra.

Ebbe una breve visione di una nuvola vorticosa, e in mezzo ad essa torri e merli, alti come colline, fondati su un possente trono di montagna sopra fosse incommensurabili; grandi cortili e segrete, prigioni senza occhi a strapiombo come rupi e porte spalancate d'acciaio e d'acciaio: e poi tutto passò. Le torri cadevano e le montagne scivolavano; i muri si sgretolavano e si scioglievano, crollando; vaste guglie di fumo e sgorganti vapori si alzavano, ondeggiavano, finché non si rovesciavano come un'onda travolgente, e la sua cresta selvaggia si arricciava e scendeva schiumando sulla terra. E poi alla fine, oltre le miglia di distanza, giunse un rombo, che si levò in un fragore assordante e in un ruggito; la terra tremò, la pianura si sollevò e si spaccò, e Orodruin vacillò. Il fuoco eruttò dalla sua sommità lacerata. Il cielo esplose in tuoni ardenti di fulmini. Giù come fruste sferzanti cadde un torrente di pioggia nera. E nel cuore della tempesta, con un grido che trafisse tutti gli altri suoni, squarciando le nuvole, giunsero i Nazgûl, sparando come fulmini fiammeggianti, mentre presi nelle rovine infuocate della collina e del cielo, crepitarono, appassirono e uscirono.

«Be', questa è la fine, Sam Gamgee», disse una voce al suo fianco. E c'era Frodo, pallido e logoro, e ancora lui stesso; e nei suoi occhi ora c'era pace, né sforzo di volontà, né follia, né paura. Il suo fardello è stato portato via. C'era il caro maestro dei dolci giorni nella Contea.

Il ritorno del re , Libro Sei, Capitolo III, Monte Fato

Allora, cosa è successo esattamente? Gollum ha rintracciato l'invisibile Frodo e lo ha attaccato. Nel frattempo, Sauron percepì l'Anello e il Nazgûl si diresse verso il Monte Fato. Mentre Gollum stava combattendo Frodo, si morsicò il dito, quello con l'Anello, e reclamò il suo Prezioso. Ma, mentre ballava per la gioia, cadde oltre il bordo e cadde nella lava con l'Anello. L'Anello fu distrutto, il che causò anche la distruzione del Monte Fato, della fortezza di Sauron e di se stesso, così come la morte dei restanti Nazgûl. L'avidità di Gollum fu ciò che alla fine lo uccise, ma distrusse anche l'Unico Anello. Sam e Frodo hanno quindi lasciato la montagna, esausti, ma felici perché alla fine hanno fatto ciò che avevano il compito di fare.

L'Unico Anello è stato distrutto?

Tolkien dice esplicitamente di Gollum e dell'Anello: E con questo, anche se i suoi occhi erano stati alzati per gongolare per la sua preda, si è spinto troppo oltre, si è rovesciato, ha vacillato per un momento sull'orlo, e poi con un grido è caduto. Dal profondo giunse il suo ultimo lamento Precious, e se ne andò. Da ciò deduciamo che l'Anello è effettivamente caduto nelle fiamme del Monte Fato e che è stato, come si supponeva, distrutto.

E questo è tutto per oggi. Ci auguriamo che ti sia divertito a leggere questo e che ti abbiamo aiutato a risolvere questo dilemma. Alla prossima volta e non dimenticare di seguirci!

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi