Cosa sarebbe successo se Isildur avesse distrutto l'Unico Anello?

Di Arthur S. Poe /12 febbraio 202130 gennaio 2021

di Tolkien Leggendario è uno degli universi immaginari più grandi, popolari e interessanti che abbiamo. È, in un certo senso, l'epitome di un universo fantasy ed è servito da prototipo per tutti gli universi simili successivi che fanno parte del genere fantasy. L'universo di Tolkien ha molti misteri e mentre alcuni di essi non sono chiari, ce ne sono alcuni che sono stati risolti ma necessitano di ulteriori chiarimenti. Nell'articolo di oggi analizzeremo un'ipotetica situazione in cui Isildur distrusse l'Unico Anello dopo averlo preso da Sauron. Cosa sarebbe successo allora? Perché Isildur non l'ha fatto? Tutte queste domande, e anche alcune altre, troveranno risposta nei paragrafi che seguono, quindi assicurati di leggere tutto!



Se Isildur avesse deciso di distruggere l'Unico Anello invece di prenderlo per sé, sarebbe accaduta la stessa cosa che è accaduta quando il Gollum è caduto nelle fiamme del Monte Fato con l'Unico Anello: l'Anello sarebbe stato distrutto e con esso, Sauron e gli Spettri dell'Anello.

Nell'articolo di oggi parleremo della connessione di Isildur con l'Unico Anello. Scoprirai come è diventato il suo proprietario, perché non lo ha distrutto e cosa sarebbe successo se avesse deciso di distruggere l'Unico Anello in quel momento, dato che erano vicino alle fiamme del Monte Fato. Abbiamo preparato un articolo divertente e informativo per te, quindi resta con noi fino alla fine.





Sommario mostrare In che modo Isildur ha ottenuto l'Unico Anello? Perché Elrond non ha preso l'Anello da Isildur? Perché Isildur non ha distrutto l'Unico Anello? Cosa sarebbe successo se Isildur avesse distrutto l'Unico Anello?

In che modo Isildur ha ottenuto l'Unico Anello?

La storia della cattura dell'Unico Anello da parte di Isildur è in realtà la storia della sconfitta di Sauron, come è stata raccontata da Elrond in Compagnia dell'Anello e dallo stesso Tolkien nell'opera Degli anelli del potere e della terza età, che di solito è pubblicata come appendice a Il Silmarillion . Elrond ha assistito alla lotta di Isildur contro Sauron, quindi ti portiamo prima il suo resoconto degli eventi:

Allora Elrond si fermò un po' e sospirò. «Ricordo bene lo splendore dei loro stendardi», disse. 'Mi ha ricordato la gloria dei Giorni Antichi e le schiere del Beleriand, così tanti grandi principi e capitani erano radunati. Eppure non così tanti, né così belli, come quando Thangorodrim fu distrutto, e gli Elfi ritennero che il male fosse finito per sempre, e non fu così.'



'Ricordi?' disse Frodo, parlando ad alta voce il suo pensiero nel suo stupore. «Ma ho pensato», balbettò mentre Elrond si girava verso di lui, «pensavo che la caduta di Gil-galad fosse avvenuta molto tempo fa».

«Così è stato davvero» rispose gravemente Elrond. «Ma la mia memoria risale persino ai tempi antichi. Earendil era mio padre, nato a Gondolin prima della sua caduta; e mia madre era Elwing, figlia di Dior, figlio di Luthien del Doriath. Ho visto tre età in Occidente del mondo, e molte sconfitte e molte vittorie infruttuose.



«Sono stato l'araldo di Gil-galad e ho marciato con il suo esercito. Ero alla battaglia di Dagorlad davanti alla Porta Nera di Mordor, dove avevamo il controllo: per la Lancia di Gil-galad e la Spada di Elendil, Aiglos e Narsil, nessuno poteva resistere. Ho assistito all'ultimo combattimento alle pendici di Orodruin, dove Gil-galad è morto, ed Elendil è caduto, e Narsil si è rotto sotto di lui; ma Sauron stesso fu rovesciato, e Isildur gli tagliò di mano l'Anello con la scheggia dell'elsa della spada di suo padre e lo prese per suo.'

A questo lo straniero, Boromir, fece irruzione. 'Così è quello che è successo all'Anello!' gridò. “Se mai una storia del genere è stata raccontata nel sud, è stata a lungo dimenticata. Ho sentito parlare del Grande Anello di lui che non abbiamo nominato; ma credevamo che fosse perito dal mondo nella rovina del suo primo regno. Isildur l'ha presa! Questa è davvero una notizia.'

'Ahimè! sì,' disse Elrond. «L'ha presa Isildur, come non avrebbe dovuto. Avrebbe dovuto essere poi gettato nel fuoco di Orodruin vicino a dove è stato creato. Ma pochi hanno segnato ciò che ha fatto Isildur. Lui solo fu al fianco di suo padre in quell'ultima gara mortale; e presso Gil-galad rimasero solo Cirdan, e io. Ma Isildur non volle ascoltare il nostro consiglio.

«Questo lo avrò come oro mannaro per mio padre e mio fratello, disse; e quindi, che lo volessimo o no, lo prese per farne tesoro. Ma presto ne fu tradito fino alla morte; e così è chiamato nella Bane di Isildur settentrionale. Eppure la morte forse era meglio di cos'altro poteva essergli capitato.

«Solo al nord giunsero queste notizie, e solo a pochi. Non c'è da stupirsi che tu non li abbia ascoltati, Boromir. Dalle rovine dei Gladden Fields, dove perì Isildur, tre uomini tornarono sulle montagne solo dopo un lungo viaggio. Uno di questi era Ohtar, lo scudiero di Isildur, che portava i frammenti della spada di Elendil; e li condusse a Valandil, l'erede di Isildur, che essendo solo un bambino era rimasto qui a Gran Burrone. Ma Narsil è stato spezzato e la sua luce si è spenta, e non è stato ancora forgiato di nuovo.

'Infruttuosa ho chiamato la vittoria dell'Ultima Alleanza? Non del tutto, eppure non ha raggiunto il suo fine. Sauron fu sminuito, ma non distrutto. Il suo anello era perso ma non disfatto. La Torre Nera fu rotta, ma le sue fondamenta non furono rimosse; poiché sono stati fatti con il potere dell'Anello, e finché rimane dureranno. Molti Elfi e molti Uomini potenti, e molti dei loro amici, erano morti in guerra. Anarion fu ucciso e Isildur fu ucciso; e Gil-galad ed Elendil non c'erano più. Mai più ci sarà una simile lega di Elfi e Uomini; poiché gli Uomini si moltiplicano e i Primogeniti diminuiscono, e le due stirpi si allontanano. E da quel giorno la razza di Numenor è decaduta, e la durata dei loro anni è diminuita.

Compagnia dell'Anello , Libro Secondo, Capitolo II, Il Contilio di Elrond

Elrond, come puoi vedere, descrive sia la cattura dell'Unico Anello da parte di Isildur dopo aver tagliato il dito di Sauron, sia l'avidità di Isildur, che alla fine portò alla sua scomparsa. L'Unico Anello prese immediatamente il controllo su Isildur e, quando l'anima malvagia di Sauron lasciò il suo corpo, si prese cura della propria sopravvivenza. Ma, con l'Unico Anello ancora esistente, Sauron riuscì anche a sopravvivere, anche se molto debole, motivo per cui ci volle così tanto tempo prima che tornasse. Nel suo saggio, Tolkien si riferisce agli eventi come segue:

Allora Gil-galad ed Elendil passarono a Mordor e circondarono la fortezza di Sauron; e lo assediarono per sette anni, e subirono gravi perdite a causa del fuoco e dei dardi e dei dardi del nemico, e Sauron inviò molte sortite contro di loro. Là nella valle di Gorgoroth fu ucciso Anárion figlio di Elendil, e molti altri. Ma alla fine l'assedio fu così stretto che Sauron stesso si fece avanti; e lottò con Gil-galad ed Elendil, ed entrambi furono uccisi, e la spada di Elendil si spezzò sotto di lui mentre cadeva. Ma anche Sauron fu gettato a terra, e con la scheggia dell'elsa di Narsil Isildur tagliò l'Anello del Reggente dalla mano di Sauron e lo prese per suo. Allora Sauron fu per quel tempo sconfitto, e abbandonò il suo corpo, e il suo spirito fuggì lontano e si nascose in luoghi desolati; e non prese più forma visibile per molti lunghi anni.

Iniziò così la Terza Era del Mondo, dopo i Giorni Antichi e gli Anni Neri; e c'era ancora speranza in quel tempo e il ricordo dell'allegria, e per lungo tempo l'Albero Bianco degli Eldar fiorì nelle corti dei Re degli Uomini, per la piantina che aveva salvato Isildur piantò nella cittadella di Anor in memoria di suo fratello, prima che partisse da Gondor. I servi di Sauron furono messi in rotta e dispersi, ma non furono del tutto distrutti; e sebbene molti Uomini si fossero ora allontanati dal male e divennero soggetti agli eredi di Elendil, tuttavia molti di più ricordavano Sauron nei loro cuori e odiavano i regni dell'Occidente. La Torre Nera è stata rasa al suolo, ma le sue fondamenta sono rimaste, e non è stata dimenticata. I Númenóreani invero misero una guardia sulla terra di Mordor, ma nessuno osò dimorarvi a causa del terrore della memoria di Sauron, ea causa della Montagna di Fuoco che si ergeva vicino a Barad-dûr; e la valle di Gorgoroth si riempì di cenere. Molti degli Elfi e molti dei Númenóreani e degli Uomini che erano loro alleati erano morti nella Battaglia e nell'Assedio; ed Elendil l'Alto e Gil-galad il Sommo Re non c'erano più. Mai più un tale esercito fu radunato, né vi fu una tale lega di Elfi e Uomini; poiché dopo il giorno di Elendil le due stirpi si separarono.

L'Anello Reggente svanì dalla conoscenza anche dei Saggi in quell'epoca; eppure non era disfatto. Perché Isildur non lo avrebbe ceduto a Elrond e Círdan che erano rimasti a guardare. Gli consigliarono di gettarlo nel fuoco di Orodruin quasi a portata di mano, in cui era stato forgiato, in modo che perisse e il potere di Sauron fosse per sempre diminuito, e lui rimanesse solo come un'ombra di malizia nel natura selvaggia. Ma Isildur rifiutò questo consiglio, dicendo: 'Questo lo avrò come d'oro per la morte di mio padre e dei miei fratelli'. Non sono stato io a infliggere al Nemico il suo colpo mortale?' E l'Anello che teneva gli sembrava estremamente bello da guardare; e non avrebbe permesso che fosse distrutto. Prendendolo quindi tornò dapprima a Minas Anor, e lì piantò l'Albero Bianco in memoria di suo fratello Anárion. Ma presto partì, e dopo aver dato consiglio a Meneldil, figlio di suo fratello, e avergli affidato il regno del sud, portò via l'Anello, per essere un cimelio della sua casa, e marciò a nord da Gondor per il modo in cui Elendil era venuto; e abbandonò il Regno del Sud, poiché si proponeva di prendere il regno di suo padre in Eriador, lontano dall'ombra della Terra Nera.

Ma Isildur fu sopraffatto da una schiera di Orchi in agguato nelle Montagne Nebbiose; e scesero su di lui di sorpresa nel suo accampamento tra il Boscoverde e il Great River, vicino a Loeg Ningloron, i Gladden Fields, poiché era sconsiderato e non faceva alcuna guardia, ritenendo che tutti i suoi nemici fossero stati sconfitti. Là quasi tutto il suo popolo fu ucciso, e tra loro c'erano i suoi tre figli maggiori, Elendur, Aratan e Ciryon; ma sua moglie e il figlio più giovane, Valandil, erano partiti a Imladris quando era andato in guerra. Isildur stesso riuscì a fuggire per mezzo dell'Anello, perché quando lo indossava era invisibile a tutti gli occhi; ma gli Orchi lo cacciarono con l'odore e la fessura, finché giunse al Fiume e vi si tuffò. Là l'Anello lo tradì e vendicò il suo creatore, perché gli scivolò dal dito mentre nuotava, e si perse nell'acqua. Poi gli Orchi lo videro mentre lavorava nel ruscello, e gli spararono con molte frecce, e quella fu la sua fine. Solo tre della sua gente tornarono sulle montagne dopo un lungo peregrinare; e di questi uno era Ohtar suo scudiero, alla cui custodia aveva affidato i frammenti della spada di Elendil.

Il Silmarillion , Degli anelli del potere e della terza età

Come puoi vedere, il racconto narrativo di Tolkien è pienamente in accordo con quanto affermato da Elrond, fornendo ulteriori dettagli sulle circostanze che circondano la presa dell'Unico Anello da parte di Isildur a Sauron e le sue conseguenze.

Perché Elrond non ha preso l'Anello da Isildur?

Elrond, in quanto Elfo che era già entrato in contatto con gli Anelli del Potere più deboli, conosceva i pericoli dell'Unico Anello. Sapeva che l'Anello era immensamente potente e seducente; sapendo che gli Anelli del Potere più deboli avevano fatto ai loro portatori, Elrond era comprensibilmente riluttante a prendere l'Unico Anello.

Inoltre, Elrond sembra essere consapevole del fatto che chiunque avesse preso l'Anello dal suo legittimo proprietario (cioè, non lo avrebbe preso, ma piuttosto lo avrebbe rubato) soccomberebbe ai poteri seduttivi dell'Anello molto più facilmente. Isildur aveva preso l'Anello da Sauron - Sauron non glielo aveva mai dato - e se Elrond avesse cercato di prendere l'Anello da Isildur e distruggerlo, la stessa cosa sarebbe successa a lui, poiché Isildur non avrebbe mai voluto rinunciare al suo prezioso possesso. Questo spiega anche come e perché Gollum è stato così corrotto dall'Anello, mentre Bilbo non lo era - mentre Gollum ha ucciso i suoi parenti per rubare l'Anello, Bilbo non lo ha mai rubato, lo ha trovato e lo ha portato con sé, non sapendo di avere il manufatto più potente della Terra di Mezzo in suo possesso (inoltre, c'è il fatto che gli Hobbit sembrano essere più resistenti ai poteri dell'Anello perché sono di buon cuore, ma questa è una questione completamente diversa).

Perché Isildur non ha distrutto l'Unico Anello?

Bene, questa domanda è relativamente facile. Vale a dire, come potremmo anche vedere da un esempio molto più popolare - quello di Frodo - quando qualcuno doveva distruggere l'Unico Anello, di solito esitava solo quando l'Anello prendeva il potere sul suo portatore. Frodo era esausto e all'ultimo momento ha ceduto ai poteri dell'Anello e ha cercato di prenderlo per sé, piuttosto che distruggerlo. E badate bene, Frodo era un hobbit: non sono inclini a cadere sotto l'influenza dell'Anello come le altre razze, specialmente gli Uomini.

Isildur era sia un Uomo e aveva preso l'Anello, piuttosto che riceverlo. Gli uomini bramavano il potere, erano avidi e se si aggiunge il fatto che l'Anello aveva più influenza su coloro che lo rubavano, si può facilmente dedurre perché Isildur si rifiutò di distruggerlo, nonostante le sollecitazioni dei suoi compagni. Era completamente posseduto dall'Anello e lo portò con sé, iniziando anche a chiamarlo il suo prezioso a un certo punto, il che alla fine portò alla sua stessa morte.

Cosa sarebbe successo se Isildur avesse distrutto l'Unico Anello?

Anche la risposta alla nostra ultima domanda è abbastanza semplice. Vale a dire, se Isildur non avesse ceduto ai poteri dell'Unico Anello e avesse deciso - come avrebbe dovuto fare - di distruggerlo nei fuochi del Monte Fato, che erano molto vicini, l'Anello sarebbe scomparso e con esso Sauron, la cui anima indebolita sarebbe stato distrutto e i nove Spettri dell'Anello. Questo, ovviamente, avrebbe fatto gli eventi da Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli piuttosto obsoleto, il che a sua volta ci avrebbe reso più poveri per una brillante esperienza letteraria e narrativa, quindi in un certo senso – siamo contenti che Isildur non abbia fatto la cosa giusta in questo momento.

E questo è tutto per oggi. Ci auguriamo che ti sia divertito a leggere questo e che ti abbiamo aiutato a risolvere questo dilemma. Alla prossima volta e non dimenticare di seguirci!

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi