Cosa sogna Bombur?

Di Arthur S. Poe /12 gennaio 20216 gennaio 2021

Sai chi è Obelix? La Gallia ossuta del fumetto francese? Bene, anche se non è esilarante come Obelix, quello di Tolkien Leggendario ha anche un personaggio ossuto che è uno dei preferiti dai fan ed è Bombur, il grasso nano che conta per due nani a causa della sua circonferenza. Bombur è piuttosto benevolo e alla gente piace molto, ma non parleremo di questo aspetto oggi. Oggi abbiamo preparato qualcos'altro, una storia interessante su Bombur e il suo sogno Lo Hobbit . Vuoi sapere che si trattava del sogno del ragazzone? Continua a leggere il nostro articolo!



Secondo la stessa confessione di Bombur - poiché il sogno non è mai stato descritto esplicitamente dallo stesso Tolkien - stava sognando un'infinita festa nella foresta e un re dei boschi. Il sogno sembra essere stato abbastanza divertente, dal momento che Bombur era insoddisfatto di aver scoperto che non era reale.

In questo breve articolo, ti racconteremo le circostanze di come e quando Bombur si è persino addormentato e di cosa parlava il suo sogno. Vedrai anche la sua reazione al sogno e la realizzazione che in realtà non era reale, quindi continua a leggere per scoprire alcune nuove informazioni su Bombur e il suo sogno.





Sommario mostrare Come si è addormentato Bombur? Cosa sognava Bombur?

Come si è addormentato Bombur?

L'incidente che fece dormire Bombur per giorni avvenne mentre i Nani e Bilbo stavano attraversando il ruscello incantato a Bosco Atro. Sebbene non sapessero esattamente come, la compagnia era stata avvertita da Gandalf che il flusso era una fonte di potente magia oscura e che di certo non avrebbero dovuto entrare in contatto con esso. Nei libri la compagnia trovò una barchetta e attraversarono il torrente a gruppi, perché non potevano entrarci tutti contemporaneamente. Bombur, poiché era il più grasso del gruppo, doveva arrivare per ultimo. E mentre raggiungeva l'altro lato, accadde qualcosa:

Prima che potessero gridare in lode per lo sparo, tuttavia, un terribile lamento di Bilbo tolse dalle loro menti tutti i pensieri sulla cacciagione. Bombur è caduto! Bombur sta annegando! lui pianse. Era fin troppo vero. Bombur aveva solo un piede a terra quando il cervo si è abbattuto su di lui e gli è balzato addosso. Era inciampato, spingendo la barca lontano dalla riva, e poi era caduto di nuovo nell'acqua scura, le sue mani scivolavano via dalle radici viscide sul bordo, mentre la barca si allontanava lentamente e scomparve.



Riuscivano ancora a vedere il suo cappuccio sopra l'acqua quando corsero verso la riva. Rapidamente, lanciarono una corda con un gancio verso di lui. La sua mano lo prese e lo tirarono a riva. Era inzuppato dai capelli agli stivali, ovviamente, ma non era la cosa peggiore. Quando lo deposero sulla sponda era già profondamente addormentato, con una mano stringeva la fune così forte che non potevano toglierla dalla sua presa; e profondamente addormentato rimase nonostante tutto quello che potevano fare.

Stavano ancora in piedi sopra di lui, maledicendo la loro sfortuna e la goffaggine di Bombur, e lamentando la perdita della barca che rendeva loro impossibile tornare indietro a cercare il cervo, quando si accorsero del fioco suono dei clacson nel legno e il suono di cani che abbaiano lontani. Poi tutti tacquero; e mentre sedevano sembrava che potessero udire il rumore di una grande caccia che passava a nord del sentiero, sebbene non ne vedessero alcun segno.



Lì rimasero a lungo seduti e non osarono fare una mossa. Bombur dormiva con un sorriso sulla faccia grassa, come se non gli importasse più di tutti i guai che li irritavano. Improvvisamente sul sentiero davanti a loro apparve un cervo bianco, una cerva e cerbiatti bianchi come la neve come il cervo era stato scuro. Brillavano nell'ombra. Prima che Thorin potesse gridare, tre dei nani erano balzati in piedi e avevano staccato le frecce dai loro archi. Nessuno sembrava trovare il segno. Il cervo si voltò e scomparve tra gli alberi così silenziosamente come era venuto, e invano i nani scagliarono le loro frecce dietro di loro.

Lo Hobbit , Capitolo VIII: Mosche e ragni

Come puoi vedere, Bombur, goffo com'era, è caduto nel ruscello e mentre la compagnia lo ha salvato, la magia ha fatto quello che doveva fare e Bombur è caduto in un sonno profondo che è durato per giorni. Questa scena è presente anche nell'edizione estesa di Lo Hobbit: la desolazione di Smaug , anche se la sceneggiatura descriveva questi eventi in modo leggermente diverso rispetto al libro. Ecco come appariva la scena nel film:

Cosa sognava Bombur?

Allora, cosa è successo dopo? Bene, questo è ciò che dice Tolkien:

Ma non lo sapevano, ed erano gravati dal pesante corpo di Bombur, che dovevano portare con sé come meglio potevano, svolgendo il faticoso compito a turni di quattro ciascuno mentre gli altri condividevano i loro zaini. Se questi non fossero diventati fin troppo leggeri negli ultimi giorni, non ci sarebbero mai riusciti; ma un Bombur sonnacchioso e sorridente era un pessimo scambio di pacchi pieni di cibo, per quanto pesanti. In pochi giorni arrivò il momento in cui non c'era praticamente più niente da mangiare o da bere. Nulla di sano potevano vedere crescere nel bosco, solo funghi ed erbe con foglie pallide e odore sgradevole.

Lo Hobbit , Capitolo VIII: Mosche e ragni

La compagnia doveva continuare a muoversi attraverso Bosco Atro, ma era gravata dal pesante corpo di Bombur. Essendo il membro più grasso della compagnia, fu certamente un carico pesante per tutta la durata (molti giorni, come si dice) del suo sonno. Eppure, mentre gli altri membri della compagnia si lamentavano, Bombur sembrava essere abbastanza felice, poiché il suo viso addormentato mostrava un sorriso soddisfatto. Bombur stava sognando, ovviamente, qualcosa di molto piacevole. Tolkien non ha mai descritto esplicitamente il sogno di Bombur, ma una volta che si è svegliato, abbiamo scoperto cosa aveva sognato per tutto quel tempo. Questo è ciò che Tolkien scrisse:

Si svegliò all'improvviso e si sedette grattandosi la testa. Non riusciva a capire dove si trovasse, né perché avesse tanta fame; poiché aveva dimenticato tutto ciò che era accaduto da quando avevano iniziato il loro viaggio quella mattina di maggio molto tempo fa. L'ultima cosa che ricordava era la festa a casa dello hobbit, e avevano grandi difficoltà a fargli credere alla loro storia di tutte le molte avventure che avevano avuto da allora.

Quando seppe che non c'era niente da mangiare, si sedette e pianse, perché si sentiva molto debole e le gambe traballanti. Perché mai mi sono svegliato! lui pianse. Stavo facendo sogni così belli. Ho sognato che stavo camminando in una foresta un po' come questa, illuminata solo da torce sugli alberi e lampade che oscillavano dai rami e fuochi accesi per terra; e c'era una grande festa in corso, che continuava per sempre. C'era un re dei boschi con una corona di foglie, e c'era un canto allegro, e non potevo contare o descrivere le cose che c'erano da mangiare e da bere.

Non devi provare, disse Thorin. In effetti, se non puoi parlare di qualcos'altro, faresti meglio a tacere. Siamo abbastanza infastiditi da te così com'è. Se non ti fossi svegliato, avremmo dovuto lasciarti ai tuoi sogni idioti nella foresta; non sei uno scherzo da portare anche dopo settimane di brevi commons.

Non c'era più niente da fare ora che stringere la cintura ai loro stomaci vuoti, e issare i loro sacchi e zaini vuoti, e arrancare lungo il sentiero senza alcuna grande speranza di arrivare mai alla fine prima che si sdraiassero e morissero di fame. Questo fecero tutto quel giorno, andando molto lentamente e stancamente; mentre Bombur continuava a lamentarsi che le sue gambe non lo avrebbero portato e che voleva sdraiarsi e dormire.

No, non lo fai! loro hanno detto. Lascia che le tue gambe prendano la loro parte, ti abbiamo portato abbastanza lontano.

Lo Hobbit , Capitolo VIII: Mosche e ragni

Come puoi vedere, dopo essersi finalmente svegliato, Bombur è rimasto piuttosto deluso nel rendersi conto che tutta la sua esperienza era solo un sogno, un evento immaginario che non è mai accaduto. Inoltre, non riusciva a ricordare nulla di quello che era successo dopo la festa inaspettata a casa di Bilbo Baggins dall'inizio della storia. Sognò una festa senza fine, che bastava a farlo sorridere, e un re dei boschi con una corona di foglie, che lo rendeva anche felice. Immagina la sua delusione quando si è svegliato e ha visto un gruppo di nani scontrosi e uno Hobbit da qualche parte in una foresta oscura e cupa.

E questo è tutto per oggi. Ci auguriamo che ti sia divertito a leggere questo e che ti abbiamo aiutato a risolvere questo dilemma. Alla prossima volta e non dimenticare di seguirci!

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi