Somiglianze e differenze tra nani e hobbit

Di Arthur S. Poe /22 gennaio 202114 gennaio 2021

Il Leggendario di J.R.R. Tolkien è uno dei più grandi e migliori universi immaginari di sempre e probabilmente il miglior universo fantasy della storia. Tolkien si è impegnato molto nella creazione del suo universo immaginario e la natura meticolosa del suo lavoro è uno dei motivi principali per cui è così popolare anche oggi. Il mondo di Tolkien è un vero sistema che avrebbe potuto facilmente esistere in qualche realtà parallela, grazie al fatto che Tolkien lo ha creato in modo che avesse tutti gli elementi necessari di un universo reale, nonostante fosse immaginario. Nell'articolo di oggi parleremo di uno di quegli elementi: due gare dal Leggendario , razze simili, ma ancora molto diverse, sebbene entrambe svolgano un ruolo importante nella più ampia tradizione del Leggendario . Sono i Nani e gli Hobbit e ti parleremo delle somiglianze e delle differenze tra queste due razze.



Sebbene relativamente simili nell'aspetto, Nani e Hobbit sono due razze distinte con una storia diversa. Condividono alcuni tratti (soprattutto in senso culturale), ma sono per lo più molto diversi nonostante non siano nemici come i Nani e gli Elfi.

Inizieremo il nostro articolo con una breve introduzione sia ai Nani che agli Hobbit. Quindi, ti faremo un confronto tra le due razze in modo da poter osservare tutte le differenze e le somiglianze tra loro. Promette di essere un viaggio divertente, quindi resta con noi fino alla fine.





Sommario mostrare A proposito dei nani A proposito degli Hobbit Le differenze e le somiglianze tra i Nani e gli Hobbit Aspetto fisico Natura spirituale Famiglia Cultura

A proposito dei nani

I nani sono una delle razze immaginarie che abitano la Terra di Mezzo, all'interno del Leggendario dell'autore J. R. R. Tolkien. Sono creature robuste di piccola statura, distinte per i loro talenti come fabbri, minatori e costruttori. Sono meno importanti nei resoconti di Uomini ed Elfi e spesso si oppongono a questi ultimi, a volte con violenza.

I nani sono piccole creature umanoidi, presumibilmente alte tra quattro e cinque piedi (tra 120 e 150 centimetri). Sono tenaci, sono ottimi combattenti e sono dotati di grande resistenza alla fame e al dolore. La loro aspettativa di vita media è di 250 anni. Un aspetto importante del loro fisico è la barba, che non si radono mai e che è indossata da uomini e donne. I Nani sono un popolo orgoglioso, riservato e riservato, ma a volte insegnano la loro conoscenza ad altri popoli con cui hanno buoni rapporti, il più delle volte commerciali. Questo è il caso degli Elfi Grigi del Beleriand nella Prima Era o degli Uomini del Rhovanion nella Seconda Era.



Dal momento che vivono principalmente sottoterra, i Nani non sono molto appassionati di agricoltura e pastorizia, preferendo commerciare con altre razze per ottenere questi beni. Si dice che siano amici leali, ma avversari risentiti e testardi, che non dimenticano mai un insulto o una buona azione. Anche la loro avarizia è famosa e costituisce uno dei loro punti deboli, per cui sono corruttibili, come mostra l'esempio degli Anelli del Potere. I Nani estraggono e lavorano i metalli preziosi e le pietre che si trovano nelle montagne della Terra di Mezzo con talento consumato, dal loro designer, Aulë. All'inizio della Quarta Era, sono loro che riforgiano le porte di Minas Tirith. Gandalf descrive l'oro e le pietre preziose come i giocattoli dei Nani e il ferro come il loro servitore: nessuno, nemmeno il Ñoldor, li supera nella tempra dell'acciaio. Il metallo a cui tengono di più è il rarissimo mithril, che viene sfruttato solo a Khazad-Deum.

I nani sono anche grandi fabbri, forgiatori di molte armi famose, come Narsil, la spada di Elendil, che è forgiata da Telchar di Nogrod, o Angrist, il pugnale che Beren prende da Curufin e usa per estrarre un Silmaril dalla Corona Ferrea di Morgoth. I nani sono famosi per la loro predilezione per l'ascia, ma usano anche spade e archi.



Le donne nane sono state viste raramente da altre razze, poiché raramente lasciano le città dei nani e assomigliano così tanto ai loro mariti, barba inclusa, che è impossibile distinguerle. L'unica donna nana conosciuta è Dís, la sorella di Thorin II Scudodiquercia, rinomata per il coraggio dei suoi figli Fíli e Kíli, che morirono durante la Battaglia dei Cinque Eserciti mentre difendevano lo zio. Alcuni Uomini, quindi, credono che i Nani nascano dalla pietra e che quando muoiono tornino alla pietra, ma questo è falso. I nani costituiscono solo un terzo della popolazione totale e appena un terzo dei nani maschi si sposa, il che è indissolubile. Gli altri, sia che vogliano un Nano già sposato o che amino troppo il loro lavoro per pensare di sposarsi, rimangono single. La crescita della popolazione dei Nani è quindi molto lenta e, se si verifica una catastrofe, la sua sopravvivenza è in pericolo: è una scommessa sicura che la battaglia di Azanulbizar, sebbene sia stata una vittoria dei Nani, abbia causato una catastrofe demografica.

A proposito degli Hobbit

Gli Hobbit, chiamati anche Halfling o Periannath, sono una delle razze immaginarie che abitano la Terra di Mezzo nella Leggendario dello scrittore britannico J. R. R. Tolkien. Appaiono per la prima volta Lo Hobbit e sono citati in Il Silmarillion , ma la loro storia è raccontata principalmente in Il Signore degli Anelli romanzi o, più precisamente, nel prologo dedicato agli Hobbit e al loro paese, La Contea.

La principale caratteristica fisica che distingue gli Hobbit è la loro piccola taglia, che, come scrive Tolkien, è alta tra due e quattro piedi (0,61–1,22 m), l'altezza media è di tre piedi e sei pollici (107 cm). A causa delle loro dimensioni, sono chiamati Halfling dagli Uomini di Gondor e Periannath in Sindarin. Le altre caratteristiche fisiche particolari degli Hobbit sono la loro abbondante pelosità sulla punta dei loro piedi, la loro completa assenza di barba, i loro capelli ricci e spesso castani, e le loro orecchie leggermente appuntite, come quelle degli Elfi. Gli Hobbit raggiungono la maggiore età a 33 anni e vivono in media 80 anni, ma non è raro che uno Hobbit superi i 100 anni. Old Took visse fino a 130 anni e Bilbo Baggins visse almeno 131 anni al momento della sua morte. Di solito hanno anche un viso rubicondo, rotondo e aperto, a causa della loro predilezione per il cibo, le bevande e una vita sedentaria.

La loro dieta si basa su sei pasti al giorno in quantità abbondanti. Amano particolarmente il fumo della birra e della pipa, un'arte che, secondo il leggendario Tolkien, inventarono loro stessi prima di insegnarla agli Uomini della Terra di Mezzo. Gli Hobbit non hanno bisogno di usare le scarpe, poiché i loro piedi sono ricoperti da uno strato naturale di pelle simile alla pelle che li protegge. Sono abili nelle loro mani e si dedicano principalmente all'agricoltura, vista la fertilità e l'abbondanza della Contea. Prima di abitare queste terre, gli Hobbit parlavano le lingue usate dagli Uomini con cui erano in contatto. Tuttavia, dopo il loro viaggio attraverso l'Eriador, adottarono la lingua comune, l'occidentale, appresa dai Dúnedain, sebbene conservassero parole da una lingua precedente molto simile al Rohirric.

Sono abituati a vivere in buche che scavano nel terreno e che attrezzano come una normale casa. A seconda della ricchezza della famiglia, la casa può avere nessuna, una o più finestre, tonde, così come la porta. Gli Hobbit più ricchi costruiscono versioni più lussuose di questi buchi, chiamati smial, come tunnel ramificati. Tra i più grandi smial ci sono Bag End a Hobbiton e Brandyhall a Fertébouc. Gli Hobbit costruiscono anche case fuori terra, ma sono poco utilizzate.

Gli Hobbit sono anche caratterizzati dalla loro natura gentile e pacifica, odiano le guerre. Non sono abituati a maneggiare armi da combattimento, ma le usano come decorazioni per le loro case. Sono brave persone, amanti della pipa, della birra e del buon cibo. Sono accoglienti ma spesso si nascondono dagli estranei. Sono molto ospitali e organizzano feste per ogni occasione. Sono generosi e, per loro, ricevere un regalo è un vero piacere. Amano banchettare così tanto che spesso si siedono a cena sei volte al giorno. Sono molto abili con le loro mani e realizzano tutte le forme di strumenti, mobili o ornamenti per il loro comfort. Sono sempre felici e amano anche adornarsi con colori molto vivaci come il giallo o il verde. La popolazione Hobbit è in gran parte composta da manovali, e resta molto povera di studiosi, se non di esperti di genealogia, a cui sono molto affezionati.

Le differenze e le somiglianze tra i Nani e gli Hobbit

In questa sezione, ti presenteremo le differenze e le somiglianze tra queste due razze basate su diverse categorie, quindi continua a leggere.

Aspetto fisico

I Nani e gli Hobbit sono più piccoli degli Uomini e degli Elfi, mentre i Nani sono leggermente più alti degli Hobbit. Sono molto resistenti e hanno un'eccellente durata. Hanno le gambe pesanti e possono fare un forte rumore mentre camminano. La loro vita naturale è di circa 250 anni, ma alcuni Nani possono vivere anche più a lungo. I nani sono piuttosto pelosi, uomini e donne hanno la barba fin dalla prima infanzia.

Per quanto riguarda gli Hobbit, la maggior parte di loro è alta da 3 a 4 piedi. Sono particolarmente leggeri e silenziosi mentre camminano, cosa che spesso usano a loro vantaggio. Questo è in parte il motivo per cui Gandalf ha scelto Bilbo come ladro Lo Hobbit . La maggior parte degli Hobbit sono completamente glabri, con solo un piccolo numero di Hobbit che hanno piccole peluria sulla barba. Di solito non indossano scarpe o stivali perché le piante dei loro piedi sono spesse e ricoperte di peli ricci, che fungono entrambi da protezione. Gli Hobbit di solito hanno circa 90 anni, ma alcuni hanno vissuto per più di 100 anni.

Natura spirituale

Sia gli Hobbit che i Nani sono mortali, ma per ragioni diverse. Gli Hobbit sono discendenti degli Uomini, che sono i figli più piccoli di Ilúvatar (Dio). Come gli Uomini ea differenza degli Elfi, muoiono per l'invecchiamento e quando muoiono attraversano i Circoli del Mondo. I Nani non furono creati da Ilúvatar, ma dal grande fabbro e artigiano Vala di nome Aulë. Aulë non vedeva l'ora che arrivassero i Figli di Ilúvatar, così creò la sua versione, i Nani. Ilúvatar non ne fu contento, ma Aulë si pentì. Ilúvatar perdonò Aulë e diede ai Nani il libero arbitrio e l'indipendenza. Non è chiaro cosa accada quando i Nani muoiono, ma si ritiene che Aulë, il loro creatore, si prenda cura di loro nelle sale riservate per loro.

Famiglia

La famiglia è una parte importante della vita sia dei Nani che degli Hobbit. Entrambe le razze mostrano un interesse per la genealogia e le relazioni familiari tra i membri di un gruppo. Tuttavia, i Nani tendono ad avere famiglie molto piccole. In teoria, solo la metà degli uomini nani si sposa perché ci sono due uomini nani per ogni donna nana. Il numero effettivo è ancora più piccolo, poiché non tutte le donne nane si sposano durante la loro vita.

(A quanto pare, entrambe le razze sono esclusivamente monogame ed eterosessuali, poiché non vi è alcuna indicazione in contrario.)

Gli Hobbit, d'altra parte, hanno un normale rapporto tra i sessi di circa 1:1. Maturano all'età di 33 anni e di solito si sposano in quel periodo. Apparentemente, gli Hobbit tendono a diventare vivaci, motivo per cui spesso hanno famiglie numerose. Le famiglie numerose possono vivere insieme in una vasta rete di buchi ancestrali. Gli esempi includono i Took, che occupano i Grandi Smial, e Brandybucks, che vivono nella Brandyhall. La genealogia è una passione per gli Hobbit. Solo gli Hobbit e gli Uomini di Bree usano i cognomi. Tutti gli altri, inclusi i Nani, sono indicati da un patronimico (cioè, figlio/figlia di tale)

Cultura

La maggior parte delle differenze tra le due culture sono state spiegate nelle sezioni sulle razze (vedi sopra), dove abbiamo scritto dei loro costumi di vita, habitat, occupazioni e attività ricreative. Per questo non pensiamo di dover sottolineare tutte le differenze, ma vorremmo sottolineare che entrambe le razze godono di un buon pasto e che entrambe amano fumare la pipa, che sono le due principali somiglianze tra le razze in ambito culturale senso.

E questo è tutto per oggi. Ci auguriamo che ti sia divertito a leggere questo e che ti abbiamo aiutato a risolvere questo dilemma. Alla prossima volta e non dimenticare di seguirci!

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi