Recensione di 'Lost Bullet 2': i francesi offrono l'azione ma non la storia

Abbiamo recensito diversi film d'azione negli ultimi mesi e la maggior parte di essi non corrisponde davvero allo standard che il genere d'azione ha stabilito nell'ultimo decennio. Sono finiti i giorni in cui un film d'azione poteva semplicemente diventare Bourne Identity con l'uso di una videocamera traballante e non consentire al pubblico di guardare ciò che sta accadendo sullo schermo. Sono finiti i giorni dei tagli veloci e del tentativo di nascondere la mancanza di abilità degli artisti e di nascondere l'ottimo lavoro degli stunt team. Nell'era di The Raid e John Wick, i film d'azione devono fare un passo avanti se vogliono distinguersi. Netflix Lost Bullet 2 cerca di fare proprio questo.



Il film è diretto da Guillaume Pierret, che ha anche diretto la prima puntata. Il film è interpretato da Alban Lenoir, Stefi Celma, Pascale Arbillot, Sebastien Lalanne, Diego Martin e Anne Serra. Il film segue le conseguenze degli eventi del primo film e vede il personaggio di Lino andare su tutte le furie pieno di vendetta, mentre cerca di raggiungere i responsabili della morte di suo fratello. Il film funge anche da cornice per una terza puntata, il che rende questo film il capitolo centrale della futura trilogia.

Le seconde puntate hanno sicuramente molte cose contro di loro. A differenza della prima puntata di una serie, la seconda parte non ha la possibilità di essere scioccante o di avere qualcosa di nuovo da dire; spesso si limita a ripetere i ritmi del primo film, ma ora è in un territorio familiare. I sequel possono provare solo perché il primo film ha avuto abbastanza successo, quindi i produttori non vogliono correre il rischio di fare un secondo film che sembra completamente diverso dal primo. Più di una cosa buona è sempre buona, ma Lost Bullet 2 soffre di essere più o meno lo stesso.





IMPARENTATO: 20 migliori serie poliziesche francesi di tutti i tempi

Lo stesso è buono, almeno quando si tratta delle parti d'azione del film. Pierret ha un'ottima padronanza di come l'azione dovrebbe essere rappresentata sullo schermo. C'è ancora molto margine di miglioramento, ma è molto al di sopra della media dei direttori d'azione che lavorano oggi. Il film brilla soprattutto quando va per il sapore Fast and Furious e fondamentalmente trasforma il film in un'arena di battaglia per auto, con armi e tutto il resto. È abbastanza divertente e le scene hanno quel fattore di eccitazione che desideri sempre nelle tue sequenze d'azione.

D'altra parte, il combattimento corpo a corpo sembra un po' più contenuto. Potrebbe essere che alcuni degli attori principali non siano ancora all'altezza della squadra di stunt che li circonda, ma la maggior parte della coreografia d'azione durante questi combattimenti sembra molto generica. Non è male, ma non c'è un singolo incontro uno a uno che riesca a eguagliare le sequenze di inseguimento quando si tratta di eccitazione e artigianato. Per fortuna, anche il film sembra saperlo e, al di fuori di una lunga sequenza verso il centro, il resto dei combattimenti è racchiuso in piccole dosi.



Quindi, l'azione è fantastica. Se hai visto il primo film e ti è piaciuto quello che hai visto, allora preparati, è più o meno lo stesso, ma è abbastanza buono da rendere felici i fan dei film d'azione quando lo guardano. Tuttavia, la narrazione sembra il caso opposto e soffre di essere il capitolo centrale di una trilogia. Man mano che il film va avanti, è chiaro che la storia è solo un ripensamento e una scusa per i combattimenti e gli inseguimenti. Alla fine del film, tutto ciò che è successo sembra una completa sciocchezza. Una bella sciocchezza, ma comunque una sciocchezza.

Lino, il nostro personaggio principale, è solo una macchina da combattimento in questo. Questo potrebbe essere intenzionale perché il film sembra ritrarlo come qualcuno che ha perso la strada a causa della sua sete di vendetta. Tuttavia, guardando il personaggio e il suo viaggio nel film, finisce esattamente nello stesso punto in cui è iniziato il film. Ciò significa che in termini di personaggio non c'è progressione e senza la posta in gioco del personaggio, l'azione finisce per sembrare vuota.



È difficile fare un film d'azione avvincente. A volte la risposta più semplice per fare grandi movimenti di personaggi nei film d'azione è rendere la storia il più semplice possibile. Lost Bullet 2 si trova nel mezzo, poiché la storia è più che semplice, in realtà è sottilissima. Tuttavia, l'esecuzione fa sembrare che ci siano molti pezzi in movimento e alla fine tutto diventa un grande pasticcio. Un approccio più chiaro alla narrazione sarebbe stato meglio, di sicuro, i film non hanno davvero bisogno di molti colpi di scena per funzionare.

Alla fine, Lost Bullet 2 è un solido film d'azione intrappolato all'interno di una storia disordinata, con personaggi che non funzionano davvero al di là del loro aspetto. Questo è un peccato perché Stefi Celma, ad esempio, potrebbe fare il film da sola, ma questa non è la sua storia, anche quando è chiaramente il personaggio più avvincente. Forse i filatoi verranno finalmente rilasciati nella puntata finale, ma dovremo aspettare e vedere.

PUNTEGGIO: 6/10

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi