15 peggiori libri di Stephen King (da cattivo a orribile)

Di Roberto Milakovic /21 marzo 202121 marzo 2021

Per scrivere una lista dei peggiori libri dello stesso maestro dell'horror, Stephen King , non è solo un compito problematico ma scoraggiante. C'è una legione di fan là fuori che sosterrà che il maestro dell'horror non ha libri scadenti.



Diranno che la maggior parte degli elenchi che presentano il lavoro di King sono soggettivi; avrebbero ragione fino a un certo punto, ma lo stesso King ha affermato di avere libri migliori di altri.

È così che si svolgerà questa lista, non calcolando la grammatica o evocando cose oscure attraverso qualche sottile luccicante, piuttosto un elenco soggettivo delle sue opere minori per le sue più sfortunate. L'elenco è solo King, nessuna collaborazione, quindi i lavori con Peter Straub o altri non verranno presi in considerazione. Cose come le sceneggiature televisive per prenotare lo saranno. Avvertimento spoiler più avanti.





Sommario mostrare I peggiori libri di Stephen King 15. La Torre Nera V: I Lupi di Calla 14. Cell 13. La Torre Nera IV: Mago e Vetro 12. Acchiappasogni 11. I regolatori 10. La tempesta del secolo 9. I Tommyknocker 8. Insonnia 7. Da una Buick 8 6. La ragazza che amava Tom Gordon 5. Chiave della Duma 4. Gioco di Gerald 3. Fiammata 2. Joyland 1. Rose Madder

I peggiori libri di Stephen King

Siamo completamente consapevoli che non tutti voi sarete d'accordo con noi su questo elenco, ma abbiamo cercato di renderlo il più imparziale possibile. E dobbiamo dirti che, anche se amiamo Mr. King, ha scritto dei brutti libri nel corso della sua carriera. La maggior parte dei cattivi viene dal suo tempo come tossicodipendente, e questo è qualcosa che riconosce personalmente. Quindi diamo un'occhiata ai 15 peggiori libri di Stephen King.

15. La Torre Nera V: I Lupi di Calla

La quinta voce della serie Magnus opus di Stephen King evoca temi classici del film di Kurosawa Seven Samurai. Un piccolo gruppo di coraggiosi samurai difende un villaggio; lo stesso principio si ripete poi nei Magnifici Sette anche se questa volta, invece di samurai armati di spada, ottieni cowboy pistoleri.



The Dark Tower V: Wolves of Calla vede Roland, un cavaliere armato di pistola e l'equipaggio di Ka-tet affrontare, armato di spada laser, un esercito di robot assassini ammantati di verde dottore che lanciano sfere assassine direttamente da un film dell'orrore.

Il libro soffre di convoluzioni che accadono troppo allo stesso tempo e si sentono troppo ingombranti a volte. A suo merito, riesce a presentarci un assaggio di come operavano i pistoleri prima che il mondo andasse avanti e offre lo sviluppo del personaggio necessario per Roland e il suo equipaggio, ma come altre voci della serie Dark Tower, questa voce fa avanzare un po' la trama , eppure l'autore inserisce più trame in una storia già enorme; è solo molto da affrontare.



14. Cell

Il racconto di un evento di livello apocalittico che sconvolge il mondo emesso da un impulso a tutti gli utenti di telefoni cellulari, di per sé, non è la trama più forte. Sembra che King stesse cercando di mantenere una promessa fatta in uno dei suoi libri della Torre Nera, in cui ha fatto riferimento a un mondo morto e ha cercato di colmare quella lacuna con questo romanzo.

Non è solo che la premessa del libro è debole, la narrazione stessa sembra affrettata, con il gruppo di sopravvissuti non solo alle prese con creature simili a zombi, ma con altri sopravvissuti con abilità psioniche o ciò che è noto come il tocco nei mondi di Stephen King.

Il finale soffre anche dell'incapacità di Stephen King di orchestrare una fine adeguata alle sue minacce a livello mondiale. Lo ha fatto in un altro libro come The Stand. Questa volta la storia fin troppo personale di un'apocalisse di zombi che scopre la cura rimane senza risposta. La storia non riesce a fornire alcun tipo di finale soddisfacente. Sembra un episodio non pescato di The Walking Dead dopo la morte di Rick.

13. La Torre Nera IV: Mago e Vetro

La quarta voce della serie Dark Tower soffre di un brusco rallentamento nel meta racconto chiamato l'epica ricerca della Torre Nera. Il gruppo passa dal combattere l'uomo Tic Tok al sedersi intorno a un falò di notte, che durerà tutto il tempo necessario per raccontare la storia di Rolands.

La premessa cerca di essere una storia di formazione di un giovane uomo che scopre che i suoi genitori non sono perfetti, in un mondo magico complicato, in cui la convinzione viene facilmente manipolata per commettere errori come cercare presto la sua prova di virilità. La storia introduce nuovi personaggi, il nostro eroe si innamora, viene rivelato un potente artefatto e combattono persino una strega.

Nonostante il suo effetto sul meta racconto generale della Torre Nera, il libro dà un colpo al ritmo della serie. I lettori volevano sicuramente saperne di più sul nostro protagonista pistolero oltre al fatto che era ossessionato dalla torre oscura per cui avrebbe sacrificato i bambini. Avrebbe potuto essere gestito in modo diverso forse più avanti nella serie o meglio distribuito in 2 libri.

12. Acchiappasogni

Una delle migliori premesse del libro presentate da Stephen King è che il male è il male fine a se stesso e, in quanto tale, può essere affrontato di conseguenza. La storia qui presentata inizia con i bulli che prendono in giro e persino molestano un bambino con bisogni speciali.

Hanno davvero invece di ferirlo, per nessun altro motivo che è solo diverso. Grazie a 4 giovani amici, salvano il ragazzo dai bulli e diventano subito amici. La storia continua in una riunione dove si ritrovano in una capanna per una battuta di caccia. Ricordano la loro infanzia e come, trascorrendo del tempo con il loro amico con bisogni unici, hanno acquisito poteri psichici come la telepatia e la capacità di vedere il movimento umano.

Tuttavia, la storia procede mentre la riunione si trasforma improvvisamente in un'epopea di sopravvivenza mentre i 4 amici affrontano un'invasione aliena. Sta a loro capire come salvare se stessi e persino il mondo.

Il problema qui è che semplicemente non sembra un libro di King. La storia è più orribile che spaventosa, sembra più un libro di HP Lovecraft; è pieno di orrore per il corpo con persone che vengono infettate da parassiti a un certo punto; c'è una donnola di merda coinvolta. Anche se fedele alle sue stesse regole poiché, in questo caso, i bravi ragazzi hanno una possibilità di vincere, a differenza di un Lovecraft in cui tutto è condannato. Eppure la vittoria ha un prezzo alto.

11. I regolatori

Stampata sotto il nome di Richard Bachman, uno dei nomi di penna di Stephen King, questa storia mal generata di un antico male di nome Tak, che possiede un ragazzo potentemente psionico. Chi è così pieno di potere che può evocare quasi tutto ciò che può immaginare, ma è limitato a ciò su cui la sua mente può concentrarsi principalmente, cioè cartoni animati e western.

Il malvagio Tak usa questo a suo vantaggio per seminare il caos nel quartiere, uccidendo le persone evocando scagnozzi su furgoni rossi che girano sparando. Si chiamano The Regulators come uno spettacolo western che il ragazzo ama così tanto. Alla fine, l'intera area viene trasformata in una città occidentale senza vie di fuga. È una battaglia per l'anima di un ragazzo innocente condotta da un antico male contro un popolo coinvolto in eventi straordinari.

Qui il problema è la premessa fragile. King ha pubblicato un racconto di un universo alternativo con gli stessi personaggi, anche se in circostanze diverse e interpretazioni leggermente diverse su un libro molto migliore. The Regulators sembra più un episodio televisivo semicostruito di Black Mirror che semplicemente non è arrivato al secondo round di produzione.

10. La tempesta del secolo

Basata sulla sceneggiatura televisiva, questa storia è uno degli approcci più deboli ai mondi di Stephen King. La premessa è promettente come un antico male ritorna in una città dove ha stretto un patto.

Insiste sul fatto che è lì solo per ciò che è suo di diritto e che la tempesta si dissiperà e scomparirà una volta acquisito ciò di cui ha bisogno. Ha bisogno dei bambini della città; ovviamente, lo sceriffo locale e i cittadini si alzano in armi per protestare contro il vecchio prezzo dei maghi.

Lo sceriffo Mike Anderson assume il vecchio mago Andre Linoge per le anime dei bambini, mentre indaga su quanto sia profondamente connesso l'antico demone alla città e, così facendo, rivela i segreti delle persone che vivono lì.

Sembra una premessa formidabile, un re alla fine avrebbe imparato con il libro Under the Dome. I personaggi sono troppo generici per qualcosa di questa portata, ea volte è molto prevedibile; il lettore sa che la città è peccaminosa, capisce che le persone verranno smascherate. La sua grazia salvifica è la sua fine. Il mago sembra nominato in modo inappropriato. Dovrebbe essere conosciuto come Randall Flagg, non Andre Linoge. Anche se potrebbero essere lo stesso uomo.

9. I Tommyknocker

Uno scrittore di romanzi del selvaggio west si imbatte in un'astronave precipitata; dopo aver ottenuto l'accesso all'interno, viene rilasciato uno strano gas. Questo gas cambia le persone e permette loro di diventare come gli alieni che un tempo lo abitavano.

Dopo essere stati esposti al gas, la maggior parte diventa geniale come inventori di livello; sebbene la maggior parte ignori volontariamente il lato etico di alcune delle loro creazioni. Il nostro protagonista è per lo più immune, grazie a una placca di metallo nella sua testa. Affronta i cittadini mentre cambiano e iniziano a perdere la sanità mentale.

Sa che potrebbe andarsene, ma decide di restare per cercare di aiutare un amico a diventare una di quelle creature. Si fa strada sulla nave e alla fine la attiva con telepatia limitata facendola lanciare nello spazio e uccidendo la maggior parte delle persone che stavano diventando alieni. Il governo degli Stati Uniti poi ripulisce il resto.

Come Dream Catcher, questa è una storia ispirata a Lovecraft; non è una brutta cosa in questo caso. Ciò che distingue questa storia è la debole logica del protagonista. King di solito scrive una rappresentazione più onesta dei suoi personaggi. Guarda a The Mist come un esempio di motivazione e caratterizzazione del personaggio. Qui ci si sente obbligati che il nostro protagonista debba sopportare tali disagi.

8. Insonnia

Questo mix horror fantasy è una delle storie più legate all'universo di King. Si collega a The Dark Tower, Geralds Game e molti altri. La storia stessa parla di Ralph Roberts e di come, nelle fasi successive della sua vita, inizi a soffrire di insonnia e, come effetto collaterale, acquisisca una forma del secondo sito che gli permette di vedere cose che non ci sono, come aure, una figura benevola chiamata Green Man e piccoli folletti calvi che chiama Bald Doctors tra le altre immagini inquietanti.

Il dono gli permette di opporsi ai mali manipolati dai Dottori Calvi che agiscono come influenzatori del peccato. Prendere la passione di una persona e trasformarla in un'arma. Ralph fa del suo meglio per opporsi al particolare sprite che sembra funzionare per il caos, ma in seguito si scopre che lavora per il Re Cremisi. Una figura sembra nutrirsi di confusione nel multiverso ed è anche il principale antagonista in The Dark Tower.

La storia è troppo complicata per goderne appieno. Bisogna essere esperti nel multiverso della Torre Nera. Questo sembra un prerequisito difficile poiché il lettore dovrebbe aver letto almeno i primi 4 libri della serie Dark Tower. La storia diventa anche complessa poiché la posta in gioco sembra salire sempre più in alto per un vecchio in pensione per salvare l'universo.

7. Da una Buick 8

Questo mix di action horror vede Ned, figlio di un agente di polizia recentemente scomparso, visitare gli amici di lavoro di suo padre in quello che sembra essere un tentativo di comprendere meglio sia la morte dei suoi genitori che il suo stile di vita.

La storia ruota attorno alla truppa di polizia che racconta a Ned vari incontri con manufatti e creature prodotti dalla Buick. Viene rivelato che l'auto non è davvero un'automobile; senza motore funzionante e volante inamovibile, resta un mistero come chi l'abbia piombato e abbandonato al bancone. Il principale riguarda Ned, mentre ascolta le informazioni e determina che la Buick è sicuramente parte della morte di suo padre.

Determinata a farla esplodere, la truppa procede all'intervento, sapendo che l'auto non può essere distrutta poiché qualsiasi danno viene riparato magicamente. La truppa di polizia sospetta che sia davvero un portale tra dimensioni che incanala la realtà come una valvola a pressione. Una volta che i poliziotti salvano Ned dall'essere risucchiato in una porta, decide di diventare lui stesso un agente di polizia in modo da poter tenere d'occhio la Buick e qualunque cosa vomiti fuori.

Il libro è sicuramente una sorta di allegoria dell'ossessione dell'uomo per i congegni pericolosi e la sua determinazione a cercare di controllarlo. Sfortunatamente, la meccanica narrativa sembra sciocca, uno dei libri multi-narrativi più deboli presentati dal Re dell'orrore.

6. La ragazza che amava Tom Gordon

Una famiglia fa un'escursione nei boschi per allontanarsi dai loro problemi più banali. La nostra giovane protagonista Trisha, una bambina di 9 anni, cade e si perde irrimediabilmente nel deserto in continua espansione. La ragazza fa l'inventario delle sue provviste e trova poco cibo e acqua, oltre al suo game boy e al Walkman; trova anche nutrimento da parte della vegetazione della zona che riconosce sicura da mangiare.

Trisha cammina nel bosco, sperando di trovare la sua strada prima di esaurire le scorte; alla fine la caduta per debolezza provocava fame e disidratazione. È qui che inizia ad avere le allucinazioni. Parte del suo viaggio diventa quello di un viaggio di realismo magico che affronta alcuni ostacoli piuttosto orribili che finiscono con lei di fronte a quello che crede sia il Dio dei Perduti.

La storia del bambino in pericolo non è nuova per il nostro autore. Ha messo in pericolo i bambini, dai personaggi di I.T. al protagonista di Heart in Atlantis. Questa si distingue perché è sola in quella che sembra una storia allegorica di guadagnarsi il diritto di crescere e sopravvivere. Sembra quasi una storia di Niel Gaiman, in cui il protagonista è intrappolato tra due regni, entrambi ugualmente reali. Questo è il problema. Si discosta troppo dallo stile di King. Poi c'è il fatto che è poco invecchiato. Il titolo, in particolare il nome del lanciatore Tom Gordon, non è molto noto a meno che tu non sia un grande fan del baseball.

5. Chiave della Duma

Edgar Freemantle perde il braccio in un incidente sul lavoro. La riabilitazione è dolorosa e gli provoca violenti sbalzi d'umore. Questi sono di solito diretti verso sua moglie, che poi chiede il divorzio. Edgar decide di trasferirsi in Florida, in particolare Duma Key; qui riprende a disegnare e dipingere come forma di terapia.

Mentre dipinge nella sua nuova dimora, scopre di poter influenzare la realtà del mondo esterno attraverso la sua tela. Quella che inizia come una benedizione con Edgar che usa le sue abilità per curare e persino vendicare gli eventi; alla fine scoprirà che i dipinti sono maledetti con chiunque li possieda rischia di diventare pazzo e commettere una violenza orribile. La storia assume una forte svolta soprannaturale mentre Edgar e la compagnia affrontano fantasmi e maledizioni, che alla fine portano all'ultimo pezzo su tela di Edgars, la distruzione della stessa Duma Key.

La storia manca di originalità proveniente da Stephen King. Il problema qui è che ha già scritto questa storia e presentato questi tipi di abilità. Anche Patric Danville, da altri due romanzi di King, può influenzare la realtà, proprio come Edgar. Anche la maledizione dei fantasmi e la storia di fantasmi sono un tropo a cui l'autore si è fortemente appoggiato in lavori precedenti. La grazia salvifica è che, in effetti, in alcuni punti è una storia spaventosa.

4. Gioco di Gerald

Un gioco sessuale andato storto; Geralds Game vede Jessie Burlingame e suo marito Gerald viaggiare in una capanna appartata nel bosco per un'improvvisazione sessuale. Gerald ammanetta la moglie al letto, ma questa volta Jessie non si sente bene con il gioco del sesso. Lo supplica di smetterla, realizzando improvvisamente che i suoi rifiuti sembrano solo eccitarlo di più. Per la sua realizzazione piena di orrore, cercherà di violentarla.

Prende a calci Gerald nel petto, provocandogli un infarto. Qui la storia assume una narrativa horror psicologica quando Jessie si rende conto che a nessuno mancherà lei o suo marito per un po' di tempo. Deve trovare un modo per liberarsi dal montante del letto per tutto il tempo. Affronta ricordi repressi, allucinazioni di se stessa e persino un'apparizione con un cesto di vimini pieno di oro e ossa, una figura minacciosa che potrebbe essere il fantasma di suo padre che l'ha violentata da bambina.

Una volta liberata, fugge dalla capanna per rendersi conto troppo tardi che l'apparizione del cesto di vimini è reale e vuole catturarla. Riesce a evitare la minaccia e fugge, ma si schianta con la sua auto. Durante la convalescenza, affronta i suoi problemi passati e si rende conto che l'uomo del cesto di vimini era in realtà un serial killer che è stato catturato. Può finalmente dormire entro la fine del racconto.

I personaggi principali di King sembrano avere tutti una cosa in comune. Tutti amano parlare da soli ad alta voce. È vero, l'interazione consente alla narrazione di fluire, ma deve essere un mondo pieno di persone che camminano per strada, parlando a voce alta da sole. Anche il viaggio interiore intrapreso da Jessie sembra una sessione di terapia forzata che, se questo tipo di situazioni stressanti funzionasse davvero, farebbe parte di regolari sessioni psicologiche. Fortunatamente, è ancora una lettura abbastanza buona.

3. Fiammata

Stampato sotto Richard Bachman, Blaze è una delle storie più brevi di King. Il protagonista principale, Clatyon Blaisdell Jr. Aka Blaze, è un uomo che soffre di un handicap mentale ma dotato di una forza fisica prodigiosa. Un truffatore incline alle calamità che escogita un piano per rapire un bambino da una famiglia benestante per riscattarlo. Scopriamo lungo la strada che Blaze ha allucinazioni o può vedere il fantasma del suo ex complice George Thomas, l'uomo che originariamente ha avuto l'idea e che trova ancora il modo di aiutare Clayton. La storia si evolve in Clayton, che alla fine ama il bambino e si confronta con l'idea di restituirlo.

La storia è una storia significativamente evoluta per lo pseudonimo di Richard Bachman, ed è impossibile non paragonare questa storia a Of Mice and Men di John Steinbeck. È difficile identificarsi con il nostro protagonista di 300 libbre, ma attira la simpatia del pubblico come un uomo con un problema mentale che cerca di trovare il suo posto nel mondo.

2. Joyland

Joyland è una storia di formazione combinata con una storia di fantasmi fatali che alla fine manca il segno. Il protagonista Devin accetta un lavoro estivo a un carnevale. Lì l'indovino locale indovina il futuro di Devins, dove scopre che incontrerà due bambini che avranno un impatto significativo sulla sua vita.

Uno un ragazzo con un cane e una ragazza con un cappello rosso. Uno dei quali avrà il sito. Una volta che Devin si è assicurato il suo alloggio, lui e la sua ragazza sono d'accordo che presto dormiranno insieme per la prima volta. Questo non accade e lei lo lascia, alla fine spezzandogli il cuore con una lettera particolarmente dura.

È colpito dalla depressione e smette di mangiare e passa il tempo ad ascoltare musica. Trova conforto nell'indossare l'abito della mascotte del carnevale e nel rendere felici i bambini. Un giorno salva una ragazza dal soffocamento e da un hot dog e diventa un eroe locale. È durante questo periodo che apprendiamo che la Haunted House è in realtà infestata da una vittima di omicidio.

Devin si interessa particolarmente e inizia a indagare sul caso. Si avvicina ad Annie e suo figlio, che è malato ma ha The Site. Devin organizza una visita privata al carnevale per il bambino malato. Qui l'abilità del ragazzo consente al fantasma nella casa infestata di andarsene. Devin alla fine fa sesso, affronta un assassino e finisce il suo tempo al carnevale.

Questa è una breve storia che non è né buona né cattiva. Non c'è niente di memorabile. I personaggi sono insipidi, l'avventura ha una portata limitata e le motivazioni del protagonista sono al di sotto dell'eroe. Onestamente soffre di non essere un libro degno di essere ricordato.

uno. Rose Madder

Questa voce finale dell'elenco sembra una partenza diretta per King poiché trae ispirazione dalla mitologia greca. In particolare il labirinto e il minotauro. La storia inizia con Rose Daniels, vittima di abusi domestici da parte del marito violento, che è anche un poliziotto. Nel suo pestaggio più recente, Rose ha perso il suo bambino di 4 mesi e sta pensando di lasciare suo marito, ma la sua posizione è riluttante a farlo. Decide di restare, sperando che gli accessi di rabbia di suo marito si calmino.

Lo sceglie sapendo di essere in pericolo poiché Noman è indagato per aver aggredito e violentato una donna di colore; l'indagine lo ha solo reso più violento. Ci vogliono 14 anni e il naso sanguina per convincere Rose a fuggire. Una volta fatto, arriva in una nuova città dove fa nuove amicizie. La aiutano a stabilirsi e una volta che ha un lavoro decide di impegnare la sua fede nuziale. Scambia detto anello con un ritratto e un appuntamento con il proprietario del banco dei pegni.

Il dipinto è di natura magica e le permette di viaggiare all'interno, qui incontra due donne Dorcas e Rose Madder. Rose le chiede di salvare il suo bambino dal toro semicieco nel labirinto, cosa che fa Rose Daniels. In cambio, Rose Madder offre la sua protezione. Dopo aver cercato sua moglie, Norman arriva in città, trova i suoi amici e alla fine trova sua moglie con un altro uomo. La resa dei conti vede Rose che conduce suo marito nel dipinto in cui Rose Madder lo uccide. Rose poi si sistema e deve piantare un albero per alimentare la sua rabbia.

Questa è la partenza più lontana per King. Il libro stesso è per lo più memorabile per questo. Traendo ispirazione dai miti greci e sentendosi come un'altra storia del realismo magico. Il problema è che il lavoro di King non è a metà. Se vedi un morto che cammina resuscitato da un maledetto complotto del cimitero, ecco di cosa si tratta. Anche i mostri più esoterici come la creatura simile a un ragno del magro sono proprio questo. Un dipinto che è sia una porta che un portale per l'Olimpo è sicuramente una deviazione.

Chi Siamo

Notizie Cinematografiche, Serie, Fumetti, Anime, Giochi